Categorie
Blog

Il mio primo anno nel Network Marketing

Ti racconto il mio primo anno nel network marketing: esperienze, aneddoti, viaggi e molto altro

Ciao a tutti, sono Valerio Cattedra, ho 20 anni, sono il founder di vita da networker e da poco ho chiuso il mio primo anno nel network marketing.

Per questo ho scelto di raccontarvi la mia storia: da come ho conosciuto il settore fino ad oggi.

Prima di iniziare, ringrazio tutte le persone che ho conosciuto in questo fantastico anno: ognuna di voi ha contribuito a rendere quest’anno unico e memorabile.

Come ho conosciuto il network marketing

Ricordo chiaramente quel giorno, pochi giorni dopo la prima zona rossa, commentai un post di Start2Impact dove si chiedeva di presentarsi nei commenti per conoscere nuove persone.

Mi rispose Alessio Burca, un leader in Leverage Group che mi presenta l’attività con professionalità facendomi conoscere Elia Bicocchi.

vita da networker leverage group elia bicocchi
Da una parte uno dei founder di una delle realtà più affermate nel network marketing italiano, dall’altra penso Elia Bicocchi

Nonostante ciò, rifiutai perché avevo appena aperto il mio primo blog e stavo ottenendo i primissimi risultati.

Ad Agosto conobbi il mio primo sponsor: Ivan Felli. Ai tempi non aveva ancora grandi risultati, ma era veramente infuocato e scelsi, timidamente, di partire.

Ecco che così ha inizio il mio primo anno nel network marketing.

I miei primi mesi nel network marketing

Ricordo che all’inizio ho combattuto con migliaia di insicurezze: paura del giudizio, di fallire, di perdere amici, di non avere tempo, ecc…

Però ero anche molto stanco di essere timido, povero economicamente, giudicato: volevo risultati, concretizzare quello che avevo in testa.

Così andai al mio primo evento e lì presi la scelta di voler studiare e fare sul serio. Quello stesso mese è nata anche la pagina di vita da networker che originariamente si chiamava “il networker imbruttito”.

Intanto, avevo costruito la mia prima struttura, sponsorizzato i primi due diretti, che ad oggi non sono più in attività e anche i primi clienti. Avevo guadagnato poco più di 70€ nei primi 3 mesi.

Tramite la pagina entro in contatto con diversi leader di tante aziende, tra cui Alessandro Cairo: un leader emergente che mi diede tantissimo valore sin dal giorno zero.

vita da networker crown movement

Ho bruciato i ponti

La struttura a Gennaio crollò del tutto e anche a Febbraio il risultato fu 0. Delusione, paura di fallire, di non riuscire a concludere niente e di essere solo un ragazzo con mille insicurezze dietro un freddo schermo.

Mi sentivo davvero da solo perché gran parte dei miei amici scherzava sulla mia attività, effettivamente non avevo neanche l’ombra di un risultato.

Si dice che nell’antica Roma, i leoni e i lupi nel Colosseo venivano lasciati a digiuno prima di uno scontro nell’arena per renderli più affamati e offensivi.

Per questo scelsi di lasciare tutto: smisi di uscire con la maggior parte dei miei vecchi amici, non mi allenai in palestra, lasciai l’università e la mia giornata divenne studio e attività.

A Marzo conobbi una persona che oggi considero un fratello, una persona che se dovessi descrivere con un aggettivo, allora userei: Vera.

Giorgio Subba, un ragazzo di Milazzo, studente fuori sede a Roma, insieme abbiamo chiuso la nostra prima qualifica.

Ricordo che quando vidi quei soldi, anche se erano veramente pochi, piansi: erano il frutto del mio lavoro e dei miei sacrifici.

Ora che avevo assaggiato il piatto, volevo tutte le portate possibili, ma…

Il sistema non va

L’azienda in cui lavoravo non fa più arrivare prodotti, vedere la dashboard e iscrivere clienti. Si fa quel che si può senza scuse, ma il problema si protrae per svariati mesi.

Ho pensato che fosse fondamentale costruire una realtà di gruppo, di team e così chiedo ai miei leader di poter creare un piano contenuti per il nostro gruppo, così da posizionarci online.

Nonostante l’azienda non funzionasse, il mio gruppo andava fortissimo: eventi su eventi. Fu per questo che presi anche il mio primo aereo: direzione Valencia con il team!

vita da networker nomade digitale
Il bootcamp di Valencia è stata un’esperienza assurda: il mio primo aereo, business con i top-earner per 10 giorni e tante altre esperienze, ma soprattutto persone

Punto di rottura

Il gruppo era fantastico, ma non vedevo l’ombra di un euro dall’attività da Aprile e la situazione ormai era insostenibile: non potevo permettermi più niente e quello che guadagnavo non arrivava dal network, stavo tornando a pensare che forse non ce l’avrei fatta.

A settembre avevo appena compiuto un anno, ma è anche stato il momento in cui ho abbracciato una nuova opportunità.

Così ho iniziato a collaborare con Alessandro Cairo e oggi stiamo costruendo qualcosa di magnifico e grandioso in tutta l’Italia e ben presto l’Europa: lui mi ha preso e portato al risultato e ogni giorno mi spinge a dare il meglio di me e far emergere il mio potenziale.

Conclusioni

Quest’ anno mi ha dato tantissimo in termini di conoscenze ed esperienze, ma solo adesso vedo dei risultati economici concreti.

Io ora non sto neanche all’1% di quello che posso dare, fare e ottenere. Ma se stai leggendo queste righe vedrai tutto il processo per arrivare al 100%.

Questa è la mia vita, la mia vita da networker.

Di Valerio Cattedra

Ciao! Sono Valerio Cattedra e sono il founder di Vita da networker: il portale che numero uno in Italia pensato per i networker da un networker. Qui condivido la mia esperienza sul campo del network marketing dal giorno zero, così da far conoscere questo settore e unire tutti i networker nel mondo.

2 risposte su “Il mio primo anno nel Network Marketing”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...